Intonacare muro esterno, cosa occorre fare?

Intonacare muro esterno: cosa occorre fare? Il distacco dell’intonaco, è un problema abbastanza serio e quindi tale da comportare risposte adeguate.

 

I muri esterni possono a volte presentare crepe più o meno gravi: quelle non strutturali, però, possono essere riparate con modalità tali da rendere l’intervento del tutto invisibile.
Nella maggior parte dei casi si tratta di problemi legati all’umidità che una volta infiltratasi nei muri, risale attraverso essi andando a provocare inconvenienti anche seri.

 

Al fine di riparare tali danni basta liberare la zona interessata dall’intonaco danneggiato e poi provvedere all’applicazione di malta di cemento con la quale riportare le parti interessate al loro aspetto originario.

 

Intonacare muro esterno: Come occorre procedere

 

La prima operazione da fare è procedere all’asportazione di tutto l’intonaco danneggiato e quindi ormai cedevole, tramite scalpello a punta piatta e mazzuolo, onde liberare la parete e renderla pronta alla successiva applicazione di cemento.

 

Il sottofondo della parete va levigata e pulita con una spazzola di ferro tramite la quale raschiare con molta decisione.
Una volta terminata la fase preparatoria, occorre predisporre la quantità di malta necessaria per la riparazione, riversandola all’interno di un recipiente e bagnare accuratamente la parte su cui occorre intervenire con un pennello, sin quando il muro non avrà assorbito l’acqua.
Applicata e assestata la malta con la cazzuola, essa va spianata con una staggia sino a creare uno strato uniforme della stessa consistenza del precedente.

 

A questo punto si può utilizzare il frattazzo oppure una tavoletta di legno per lisciare il nuovo intonaco, così da eliminare eventuali irregolarità.
Una volta che esso si sia solidificato, occorre carteggiarlo con molta attenzione tramite una carta vetrata molto consistente, in modo da eliminare eventuali asperità, per poi ultimare l’operazione dando la tinta, magari evitando di utilizzare quelle plastiche, in quanto hanno il difetto di trattenere l’umidità all’interno del muro, accelerandone il decadimento.

Intonaco muro esterno

Intonacare muro esterno: Se le crepe sono più gravi

 

Va però ricordato che si tratta di operazioni adatte solo a crepe di non grande rilevanza, mentre in caso di danni più gravi non basta coprire l’intonaco mancante, ma sarebbe opportuno prima predisporre un fondo in grado di impedire al nuovo intonaco di staccarsi a sua volta.

 

In particolare occorre rimuovere l’intonaco irregolare e riempire la crepa con malta composta per una parte di cemento ogni quattro di sabbia fine.
Subito dopo si potrà applicare un ulteriore strato protettivo, applicando uno strato di bitume e poi una membrana in poliestere.

Una volta asciugatosi il tutto, si stenderanno due mani di emulsione strutturata compatibile con il fondo utilizzato in precedenza.
Si tratta di operazioni che possono essere compiute anche in regime di fai da te, da parte di chi abbia sufficienti doti manuali e intenda risparmiare sui costi di manodopera.

 

Per avere un risultato perfetto, sarebbe però il caso di appoggiarsi a professionisti e imprese abituate a opere di questo genere, in modo da non dover magari constatare in breve tempo che il lavoro fatto in precedenza si è rivelato inadeguato a sforzi, spesa e aspettative.

Per preventivi gratuiti e non impegnativi per Intonacare muri esterni, Clicca Quì

Condividi la notizia!

Preventivo Veloce

Tipo di lavoro
Città


Se non sai come funziona il preventivo veloce prova a leggere la pagina dedicata per capire come funziona e se ancora hai qualche dubbio dai un occhiata alla pagina delle FAQs.

Altri articoli che potrebbero interessarti

rubinetti bagno per lavabo

Come scegliere i rubinetti per il bagno

Il bagno è una stanza estremamente importante della nostra casa, nel quale pass...

detrazioni per ristrutturazioni edilizie fai da te

Le detrazioni valgono anche per i lavori edilizi fai da te

Come è ormai noto, le detrazioni sulle ristrutturazioni edilizie e la detrazion...

geometri

Il 22% dei geometri non stipula la polizza RC Professionale

Dal 13 agosto 2013, i geometri che operano sul territorio peninsulare hanno l’...

nuovi voucher

I nuovi voucher non valgono per l’edilizia

Anche i nuovi voucher, dopo quelli vecchi, sembrano destinati a provocare grandi...

consumo del suolo

La Lombardia si attiva contro l’eccessivo consumo di suolo

L’eccessivo consumo del suolo è un problema di vecchia data per il nostro Pae...



ULTIMI PREVENTIVI ONLINE GRATUITI


News recenti