Il credito d’imposta per la rimozione amianto

La questione relativa alla presenza di amianto lungo il territorio nazionale continua ad agitare non poco gli italiani.

 

Come è ormai noto, se l’asbesto è stato espulso da lungo tempo dai processi produttivi, non di meno è ancora presente in larghe quantità su moltissimi manufatti, a partire dai tetti prodotti quando questo materiale era ancora legale.

 

Le bonifiche, peraltro, nel corso dei decenni intercorsi dalla messa al bando dell’amianto, non sono state portate avanti che in quantità abbastanza trascurabile.

 

A rallentare il processo di rimozione dell’amianto sono stati naturalmente i costi elevati, i quali hanno consigliato molti privati a rimandare le operazioni.

 

Proprio per cercare di superare questa strozzatura, è stato quindi deciso a livello istituzionale di mettere in campo provvedimenti in grado di incentivare la bonifica, spingendo magari imprese e privati ad accollarsene i costi, per poi ammortizzarli in un secondo momento.

Il credito d’imposta per la rimozione dell’amianto è uno dei mezzi messi in campo dal governo italiano.

 

credito d’imposta per bonifica amianto

Che cos’è il credito d’imposta per bonifica dei siti contaminati dall’amianto

 

Come è noto, il credito d’imposta rappresenta un’agevolazione paragonabile alle cosiddette detrazioni fiscali.

 

In pratica, il titolare del credito d’imposta si converte in creditore dello Stato e potrà far valere il suo credito a compensazione di eventuali debiti.

 

Può quindi essere ottenuto dai contribuenti dell’Erario ed essere destinato a compensare debiti, a ridurre le imposte dovute oppure, ove manchino imposte da versare, richiederne il rimborso al momento della dichiarazione dei redditi.

 

Va poi sottolineato come da un punto di vista fiscale il credito di imposta non vada a concorrere alla formazione del reddito o della base imponibile Irap, anche nel caso in cui venga incassato sotto forma di rimborso.

 

In questo caso, tutte le imprese che provvederanno ad effettuare interventi per la rimozione dell’amianto sui propri fabbricati e capannoni, avranno la possibilità di accedere a un credito d’imposta pari al 50%, con l’unica condizione che il costo affrontato sia almeno pari a 20mila euro.

 

Il credito d’imposta in questione è previsto da un emendamento al Collegato Ambiente, approvato dalla Commissione Ambiente del Senato, grazie al quale sono stati destinati al relativo fondo 5,536 milioni di euro per il 2015 e 6,018 milioni per ognuno degli anni 2016 e 2017.

credito-d’imposta

 

Chi può accedervi

 

Il bonus per la rimozione dell’amianto sarà concesso ai titolari di reddito d’impresa che, nel 2017, anno rimanente del piano originario, avranno effettuato interventi su beni e strutture produttive.

 

L’erogazione avviene in tre quote annuali di pari importo, con la prima utilizzabile dal primo gennaio del periodo d’imposta successivo a quello in cui sono stati eseguiti gli interventi, mentre le successive due quote saranno oggetto di sfruttamento al momento della dichiarazione dei redditi nei periodi di imposta successivi, ovvero 2018 e 2019.

 

Le imprese che intendano sfruttare l’opportunità ed eseguire interventi di bonifica dell’amianto nel corso del 2017, potranno ottenere il credito d’imposta compilando il modello F24 online, ricordando però come esso possa essere sfruttato solo ed esclusivamente allo scopo di saldare debiti esistenti verso la Pubblica Amministrazione.

 

Ti potrebbe interessare leggere anche argomenti per:

Condividi la notizia!

Preventivo Veloce

Tipo di lavoro
Città


Se non sai come funziona il preventivo veloce prova a leggere la pagina dedicata per capire come funziona e se ancora hai qualche dubbio dai un occhiata alla pagina delle FAQs.

Altri articoli che potrebbero interessarti

i dati di irena sulle rinnovabili

Negli ultimi quattro anni quasi raddoppiati i posti di lavoro nelle rinnovabili

Il 2016 è stato un ottimo anno per le energie rinnovabili, che confermano il lo...

piano energivori

La Commissione Europea approva il Piano Energivori del governo italiano

Il Piano Energivori elaborato dal governo italiano con il preciso fine di conced...

smaltimento amianto

Quanto costa smaltire l’Eternit?

Il problema dell'amianto e dei suoi elevatissimi costi sociali, oltre che in ter...

bonus fiscale videosorveglianza 2017

Tutto sul bonus Videosorveglianza 2017

Con la recente Legge di Bilancio approvata dal Parlamento, il bonus videosorvegl...

enea e il risparmio energetico

I consigli di ENEA per risparmiare sull’accensione dei termosifoni

Come è ormai noto, le spese per il riscaldamento sono in grado di pesare moltis...



ULTIMI PREVENTIVI ONLINE GRATUITI


News recenti