Assegno di mantenimento dei figli: Quali sono le spese straordinarie

Come risultato della separazione o del divorzio dei genitori, per legge, i figli hanno il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno di essi.

L’articolo 155 del codice civile dice che, entrambi i genitori, oltre a dover garantire le cure, l’educazione e l’istruzione necessaria, hanno l’obbligo di contribuire al mantenimento dei propri figli in misura proporzionale al proprio reddito.

Assegno di mantenimento dei figli

  1. Le reali esigenze attuali del figlio;
  2. Il tenore di vita goduto dal figlio durante il periodo di convivenza dei genitori;
  3. La quantità di tempo trascorsa presso l’uno o l’altro genitore;
  4. La disponibilità economica di ogni genitore;
  5. La valenza economica dei compiti domestici e di cura assunti da ciascun genitore.

Non essendo previsto un tabellario per il calcolo preciso dell’assegno, ci sono ulteriori variabili che il giudice terrà in considerazione durante il calcolo per l’ammontare dell’assegno di mantenimento dei figli, ovvero:

  1. La situazione patrimoniale e reddituale dei coniugi operando una attendibile ricostruzione complessiva di essa;
  2. L’eventuale presenza di un assegno di mantenimento del coniuge presso il quale sono collocati i figli;
  3. L’eventuale beneficio dell’assegnazione della casa coniugale al coniuge collocatario dei figli (considerato che il valore economico corrisponde, in maniera canonica, alla rendita ricavabile dalla locazione dell’immobile).

Un calcolo d’esempio, (riprendendo i parametri indicativi in uso da precedenti cause), usando come riferimento un reddito medio (dipendente che percepisce € 1.600,00 mensili), e in assenza di altri beni patrimoniali particolari (come proprietà immobiliari o ingenti somme depositate in conti correnti), l’ammontare dell’assegno di mantenimento dei figli potrebbe essere il seguente (unitamente all’assegnazione della casa coniugale):

  • Assegno di mantenimento in caso di 1 figlio: assegno di circa € 400,00;
  • Assegno di mantenimento in caso di 2 figli: assegno di circa € 640,00.

I calcoli appena indicati, ovviamente, possono variare sensibilmente, sia in maniera positiva che negativa, di fattori determinanti, come un numero maggiore o minore di figli, oppure la presenza di un assegno di mantenimento per il coniuge, oppure la mancata assegnazione della casa coniugale.

Quali sono le spese straordinarie

 

Sono da aggiungere all’assegno di mantenimento eventuali spese straordinarie che si andranno, di norma, a dividere al 50% tra i due coniugi.
Tali spese possono essere:

  • Le spese mediche che non sono coperte dal SSN (sistema sanitario nazionale) (tale tipo di spesa vuole il consenso di entrambi i genitori, salvo in casi d’urgenza)
  • Le spese scolastiche, per intenderci tasse, rette scolastiche e le spese per libri di testo
  • Spese extrascolastiche, come quote di partecipazione ad attività sportive, ludiche e corsi di istruzione. Generalmente queste spese prevedono il consenso di entrambi i genitori.

Tuttavia,non mancano situazioni nelle quali il Tribunale (o le parti) ripartisca le spese sopra elencate in proporzione differente, nel caso in cui vi sia un elevato sbilanciamento tra i redditi dei genitori.

Figli maggiorenni: continua il mantenimento

 

È importante ricordare che l’obbligo di mantenimento dei figli non cessa con il raggiungimento della maggiore età di questi; Secondo la Corte di Cassazione (Cass. 28 agosto 2008, n. 21773), tale obbligo può ritenersi cessato quando sia fornita la prova che il figlio maggiorenne ha raggiunto l’indipendenza economica, o è stato posto nelle condizioni concrete di conseguirla, oppure che il mancato svolgimento di un’attività lavorativa dipende da un atteggiamento “colposo od inerte” del figlio medesimo.

Ti suggeriamo queste letture

NIENTE ASSEGNO ALL’EX CHE GUADAGNA PIÙ DI MILLE EURO AL MESE

AVVOCATO DIVORZISTA: VALUTAZIONE E PROFESSIONALITÀ

ASSEGNO DIVORZILE E MANTENIMENTO DELL’EX CONIUGE: COME FUNZIONA

Articoli Correlati

Condividi la notizia!

Preventivo Veloce

Tipo di lavoro
Città


Se non sai come funziona il preventivo veloce prova a leggere la pagina dedicata per capire come funziona e se ancora hai qualche dubbio dai un occhiata alla pagina delle FAQs.

Ricerca contenuti

Altri articoli che potrebbero interessarti

Business Plan

Business Plan professionale: Cos’è e come redigerlo

Che cos'è un Business Plan Per business plan si intende un documento struttura...

Bonus Resto al Sud

Bonus Resto al Sud per i professionisti: Cosa sapere

Grazie al bonus Resto al Sud,è possibile beneficiare di incentivi fino a 50mila...

assegno divorzile

Assegno divorzile e mantenimento dell’ex coniuge: come funziona

In ambito legale, uno degli argomenti più trattati e più discussi è quello de...

I mobili per ufficio pensati per lavorare da sdraiati

Chi non ha mai sognato di poter lavorare ai propri progetti che richiedono l’u...

Come fare un’indagine di mercato

Come fare un indagine di mercato, quanto costa e le tipologie

Un’indagine di mercato può essere definita come il processo che a partire dal...