Addio agli studi di settore

Gli studi di settore sono sempre stati invisi ai nostri connazionali, siano essi semplici contribuenti, imprese o liberi professionisti. Il motivo di questa larga impopolarità è del resto abbastanza comprensibile: il metodo induttivo utilizzato per stabilire il reddito del soggetto sotto la lente d’ingrandimento del Fisco ha infatti prodotto larghe distorsioni, non tenendo in alcun conto fattori di grande impatto in grado di limitare in maniera anche drastica le vere entrate in discussione.

Ora, però, arriva finalmente la notizia secondo la quale gli studi di settore siano finalmente destinati ad essere messi in soffitta e sostituiti da strumenti più aderenti alla realtà e in grado di porre perlomeno un argine ai troppi casi controversi generati dall’utilizzo dei primi da parte dell’amministrazione fiscale.

 

studi di settore

 

Alcune cifre sugli studi di settore

 

Basta dare una rapida occhiata alle cifre, per comprendere l’evidente fastidio degli italiani nei confronti degli studi di settore. Nei diciotto anni di vita di questo controverso istituto, sono state sottoposte al vaglio dell’amministrazione fiscale circa 3,5 milioni di partite Iva.

Se il 73% degli esaminati ha potuto dimostrare di produrre ricavi congrui alla propria posizione lavorativa, va però messo in rilievo come anche questi contribuenti abbiano continuato ad essere messi sotto una vera e propria spada di Damocle, in quanto anche per loro ogni anno poteva scattare di nuovo l’ispezione fiscale.

Ancora più chiaro il dato che emerge analizzando il gettito che gli studi di settore sono riusciti a garantire alle casse statali. Tra il 1998, anno in cui sono stati introdotti, e il 2015 (ultimo anno di cui sono disponibili i dati), i maggiori ricavi ottenuti mediante lo spontaneo adeguamento nella dichiarazione dei redditi, ammonterebbero a circa 49,2 miliardi di euro.

Per capire meglio la sostanza della questione, basterà ricordare che secondo un report elaborato dall’Ufficio studi della Cgi, ammonterebbero a quasi 20 i miliardi di euro di tasse in più entrate nelle casse dell’erario.

Indici Sintetici di Affidabilità (ISA)

Ora arrivano gli Indici Sintetici di Affidabilità (ISA)

 

Naturalmente se gli studi di settore vanno in pensione, al loro posto arriva uno strumento che nelle intenzioni del governo dovrebbe essere in grado di eliminare le storture degli studi di settore. Si tratta degli Indici Sintetici di Affidabilità (ISA), approvati quasi all’unanimità dalla Commissione Bilancio della Camera dei Deputati.

Entreranno in vigore nell’anno di imposta 2017 e quindi ci sarà bisogno di un apposito provvedimento da parte dell’Agenzia delle Entrate entro novanta giorni dall’entrata in vigore della manovra bis.

A presentare il nuovo istituto è proprio l’emendamento, presentato da Pelillo (Pd) e Bernardo (Ap), secondo il quale i nuovi indici andrebbero a rappresentare “indicatori elementari tesi a verificare la normalità e la coerenza della gestione aziendale o professionale, anche con riferimento a diverse basi imponibili, ed esprimono su una scala da 1 a 10 il grado di affidabilità fiscale riconosciuto a ciascun contribuente».

Cosa vuole dire? In pratica le partite Iva si vedranno assegnare un voto compreso tra 1 e 10, cui andrà a corrispondere un determinato livello di affidabilità fiscale. Un regime di premialità crescente fondato su adempimenti meno impegnativi e, quindi, accertamenti meno stringenti.

Condividi la notizia!

Preventivo Veloce

Tipo di lavoro
Città


Se non sai come funziona il preventivo veloce prova a leggere la pagina dedicata per capire come funziona e se ancora hai qualche dubbio dai un occhiata alla pagina delle FAQs.

Altri articoli che potrebbero interessarti

delocalizzazione aziende

L’automazione potrebbe spingere al rientro di chi ha delocalizzato

Ora delocalizzare non è più di moda. A mutare il quadro negli ultimi anni è s...

Angolo lettura

Angolo lettura, consigli utili sull’arredo

Considerato una sorta di seduta molto personale, l’ angolo lettura è il luog...

impianto domotico

Gli italiani hanno speso 18 miliardi in impianti di sicurezza

Qual è la situazione della sicurezza in Italia? Una recente indagine effettuata...

tecnologia digitale

In Italia c’è un robot ogni 62 lavoratori

Un robot ogni 62 dipendenti: questo è il dato reso noto da un report di The Eur...

automazione sui posti di lavoro

Automazione: problema o opportunità?

La sempre più pronunciata automazione sui posti di lavoro è vista con notevoli...



ULTIMI PREVENTIVI ONLINE GRATUITI


News recenti