Quali sono le differenze tra SCIA e DIA?

Quali sono le differenze tra SCIA e DIA?

 

Si tratta di una domanda del tutto legittima di fronte alla confusione ingenerata da due acronimi ricorrenti in edilizia e che rischia di dare luogo a pericolosi equivoci.

 
Quando si tratta di mettere mano ad un immobile, si tratti di demolirlo o di sottoporlo a lavori di restauro o ampliamento, è necessario espletare una parte burocratica, quella relativa ai permessi e alle comunicazioni.

 

In pratica il proprietario è obbligato a comunicare all’amministrazione competente la sua intenzione ad avviare i lavori, tramite una serie di specifiche procedure regolate per legge.

 
Prima di procedere è però necessario ricordare cosa significhino gli acronimi in discussione.

 

La DIA è la “Dichiarazione di inizio lavori”, mentre la SCIA è la “Segnalazione certificata di inizio delle attività”.

 

Esse sono accomunate dal fatto che devono essere presentate entrambe presso l’Ufficio Tecnico comunale, prima di dare il via all’inizio dei lavori. Dopo di che iniziano le differenze.

differenze tra SCIA e DIA
Modello Fac Simile

Non solo questione di tempistica

 

La prima e più evidente delle differenze tra DIA e SCIA risiede nel fatto che mentre la prima ha bisogno di un arco temporale di 30 giorni per essere accettata, nel corso del quale i quali i tecnici del comune possono chiedere integrazioni o addirittura fermare sul nascere il progetto, nel secondo i lavori possono essere avviati immediatamente, tenendo però presente che il Comune avrà 60 giorni di tempo per imporre modifiche alle operazioni o addirittura la cessazione.

 
Se i tempi scavano una prima differenza tra DIA e SCIA, va però ricordato che ne esistono altre. In particolare va ricordato che è necessario presentare la prima ove:
– l’opera sia soggetta a vincoli di carattere paesaggistico, storico e culturale;
– si verifichi un cambiamento della volumetria o nella sagoma della struttura.
Si può invece ricorrere alla SCIA nel caso in cui i lavori siano:
– di restauro, messa in sicurezza dell’edificio e recupero della sua capacità strutturale;
– tali da prevedere l’accorpamento o la divisione di unità abitative;
– relativi alla costruzione di parcheggi;
– tesi all’inserimento di nuove finestre.

 
Va comunque sottolineato come nel caso in cui in questo secondo elenco si verifichi un cambiamento sostanziale della struttura dell’immobile, sarà necessaria la DIA, per la quale dovranno essere pagati oneri concessori.

 

In questo caso, detto anche Super DIA, rientrano ad esempio gli edifici costruiti con l’ausilio di piani urbanistici attuativi recanti indicazioni sulla volumetria e sulle dimensioni dell’immobile da costruire,

scia e dia edilizia
differenze tra SCIA e DIA

Chi deve presentare la SCIA e la DIA

 

Se, infine, la documentazione da presentare può variare, in entrambi i casi deve essere presente la firma di un professionista ( architetto o geometra ), il quale si assume la responsabilità di ogni evento che possa essere prodotto dai lavori, scaricandone in tal modo l’amministrazione.

 
Alla documentazione presentata o richiesta, deve poi essere accluso un progetto che attesti la conformità dei lavori a tutte le norme di legge che regolano la materia e rispettino le norme di sicurezza. Infine deve essere accluso il nominativo del proprietario dell’immobile e gli estremi della ditta cui sono stati appaltati i lavori.

Per avere ulteriori informazioni sulle differenze tra SCIA e DIA, contatta gratuitamente i Professionisti su Artigiani365.it

Condividi la notizia!

Preventivo Veloce

Tipo di lavoro
Città


Se non sai come funziona il preventivo veloce prova a leggere la pagina dedicata per capire come funziona e se ancora hai qualche dubbio dai un occhiata alla pagina delle FAQs.

Altri articoli che potrebbero interessarti

fabbri a Roma

Se cercate fabbri esperti…

Quando si ha bisogno di contattare dei fabbri per qualsiasi ragione, la maggior ...

smart toys cellurari

Ora i ladri d’appartamento potrebbero usare anche gli smart toys

Gli smart toys sono bambole o robot connessi alla rete, ultimamente in gran voga...

fondo di garanzia prima casa

Mutuo: Confermato il Fondo di garanzia prima casa per il 2017

Con il calo dei tassi di interesse e una certa propensione del mondo bancario ad...

prezzi delle case

Continuano a scendere i prezzi delle case

Qual è la situazione del mercato immobiliare nel nostro Paese? Come è ormai no...

comprare casa 1 euro nel comune di gangi

Comprare casa a 1 euro nei borghi: è tutto vero

Chi si è imbattuto nella notizia relativa all’operazione, avrà sicuramente p...



ULTIMI PREVENTIVI ONLINE GRATUITI


News recenti