Mutuo: Confermato il Fondo di garanzia prima casa per il 2017

Con il calo dei tassi di interesse e una certa propensione del mondo bancario ad aprire i rubinetti del credito, almeno ai clienti più sicuri, sembra risvegliarsi negli italiani l’appetito verso il mattone.

Il sogno di una casa è sempre stato molto vivo in Italia, venendo però messo in sottordine dalle difficoltà finanziarie causate da una crisi che sembra non voler mai finire.

In queste condizioni, e con le politiche di austerity ancora imperanti, pensare ad acquistare una casa si è trasformato in una sorta di azzardo, soprattutto per i giovani italiani, spesso costretti a lavorare con contratti precari o comunque atipici.

 

Proprio per cercare di andare incontro a questa particolare utenza, è stato istituito il Fondo di garanzia prima casa, un provvedimento messo in campo ad opera del Decreto Interministeriale del 31 luglio 2014, proprio con il preciso obiettivo di permettere l’accesso a un mutuo anche a coloro che non sono in grado di produrre le garanzie richieste solitamente dagli istituti di credito.

Un provvedimento che proprio per la sua valenza sociale, è stato confermato anche per il 2017.

 

fondo di garanzia mutuo 2017

Chi ha diritto al Fondo di garanzia prima casa e come funziona

 

Il Fondo di garanzia prima casa è destinato non solo alle giovani coppie che hanno difficoltà a rapportarsi con un sistema bancario ancora alle prese con il problema dei crediti deteriorati, ma anche alle famiglie in difficoltà.

Categorie che non avrebbero normalmente la possibilità di vedersi accogliere la richiesta di un finanziamento per l’acquisto della prima casa e che invece in tal modo possono cercare di dare una nuova prospettiva alla propria esistenza.
 
Il mutuo ha un massimale posto a quota 250mila euro e facendo la relativa domanda può arrivare a coprire la metà della quota capitale.

Va peraltro specificato come il provvedimento copra anche i lavori di ristrutturazione e gli interventi tesi a rendere più efficiente dal punto di vista energetico l’abitazione.

 

fondo di garanzia prima casa

Uno strumento ancora poco utilizzato

 

Va peraltro messo in rilievo come il Fondo di garanzia prima casa sia partito già nel 2015, senza grandissimo successo.

L’interesse è poi lievitato nel corso dell’ultimo anno, tanto che attualmente la media è attestata a circa 1600 domande mensili.

Si tratta quindi di uno strumento ancora in fase di rodaggio, che però potrebbe dare una prima risposta alle logiche esigenze di categorie estremamente svantaggiate e quasi impossibilitate ad avere un normale rapporto con un sistema creditizio ancora abbastanza ripiegato in sé stesso, scottato dall’evidente gravità della questione relativa ai crediti deteriorati.

Proprio la vastità del fenomeno, che vede un gran numero di consumatori impossibilitati ad onorare il piano di rientro concordato con le banche per i finanziamenti ottenuti, ha avuto come conseguenza un deciso restringimento dei criteri di concessione dei mutui.

Una decisione di cui hanno fatto le spese coloro che, per ovvi motivi, non godono di una posizione patrimoniale forte.

 

Chi comunque volesse utilizzare il fondo, può fare domanda presso uno degli oltre 170 istituti che hanno già aderito all’iniziativa.

Per trovare l’elenco, basta collegarsi al sito di Consap, la società incaricata dal Ministero dell’Economia per la gestione del fondo.

Condividi la notizia!

Preventivo Veloce

Tipo di lavoro
Città


Se non sai come funziona il preventivo veloce prova a leggere la pagina dedicata per capire come funziona e se ancora hai qualche dubbio dai un occhiata alla pagina delle FAQs.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Piani Individuali di Risparmio

Arrivano i Piani Individuali di Risparmio

Per chi è alla ricerca di alternative verso le quali indirizzare il proprio ris...

i dati di irena sulle rinnovabili

Negli ultimi quattro anni quasi raddoppiati i posti di lavoro nelle rinnovabili

Il 2016 è stato un ottimo anno per le energie rinnovabili, che confermano il lo...

Indici Sintetici di Affidabilità (ISA)

Addio agli studi di settore

Gli studi di settore sono sempre stati invisi ai nostri connazionali, siano essi...

fabbri a Roma

Se cercate fabbri esperti…

Quando si ha bisogno di contattare dei fabbri per qualsiasi ragione, la maggior ...

piano energivori

La Commissione Europea approva il Piano Energivori del governo italiano

Il Piano Energivori elaborato dal governo italiano con il preciso fine di conced...



ULTIMI PREVENTIVI ONLINE GRATUITI


News recenti