Gli infissi in legno: quali sono le detrazioni previste

Gli infissi in legno sono ancora i più gettonati in assoluto dagli italiani. Il motivo di questo appeal deriva da una serie di ottime caratteristiche di questi serramenti, a partire da una qualità estetica che continua ad essere irraggiungibile per alluminio e PVC.

 

Una qualità che risalta soprattutto quando si tratta di scegliere gli infissi adatti ad abitazioni d’epoca o di particolare pregio paesaggistico e architettonico.
Naturalmente la maggiore qualità degli infissi in legno si traduce in un costo maggiore rispetto ai prodotti concorrenti.

 

Va però ricordato come la presenza delle detrazioni fiscali previste a livello statale per chi opti per serramenti in grado di apportare una maggiore efficienza energetica, è in grado di rendere molto più leggera la spesa complessiva.

 

infissi in legno

Infissi in legno: La detrazione del 65%

 

Le detrazioni fiscali previste a favore di chi decida di dotarsi di infissi in legno, sono in particolare due, quella del 50% per gli interventi di ristrutturazione e del 65% per i lavori tesi ad efficientare dal punto di vista energetico gli edifici.

 
A tal proposito va ricordato che nel secondo caso le condizioni per accedere al beneficio fiscale sono notevolmente più restrittive, essendo intanto necessario che l’edificio risulti esistente e già dotato di impianto di riscaldamento.

 

L’Ecobonus è poi valido per gli edifici di qualsiasi tipo (abitazioni, esercizi commerciali, uffici, sedi di produzione artigianale o industriale e altro), mentre la detrazione per le ristrutturazioni edilizie riguarda solo le abitazioni.

 

Se queste sono le condizioni previste per quanto concerne l’edificio, va poi ricordato come i nuovi infissi in legno debbano a loro volta essere rispondenti a determinati requisiti, partendo dall’obbligo di delimitare il perimetro del volume riscaldato, condizione che esclude in partenza gli scantinati, le autorimesse e tutti quei locali in cui non sia presente il riscaldamento.

 
Altra conditio sine qua non è rappresentata dalla certificazione, che viene concessa ove essi rispettino i valori di trasmittanza termica indicati per legge.

 

Il riferimento normativo, in questo caso, è rappresentato dal Decreto del Ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008 e dalle successive modifiche indicate dal Decreto del 6 gennaio 2010.

 
Va anche puntualizzato come all’Ecobonus siano associate anche le spese effettuate per le strutture accessorie al serramento tali da influire sulla dispersione del calore, ad esempio gli scuri e le persiane, oppure accorpate strutturalmente all’infisso (i cassonetti delle tapparelle).

 
Il tetto fissato dalla legge per la detrazione fiscale sul risparmio energetico nel caso di sostituzione di serramenti è attestato attualmente a quota 60mila euro.

 

costo infissi in legno

Infissi in legno: La detrazione del 50%

 

Come si può comprendere, proprio i paletti imposti per l’Ecobonus rendono complicato l’accesso al suo godimento.

 

In caso non si riesca a rientrare nel suo recinto, si può comunque ripiegare sulla detrazione fiscale del 50% per le ristrutturazioni edilizie.

 

Se è sempre necessario, come per il 65%, che il lavoro sia effettuato su un edificio esistente, occorre però sottolineare come siano ammesse in questo secondo caso solo le opere realizzate su abitazioni o parti comuni di edifici residenziali.

 

Inoltre è irrilevante la presenza o meno del riscaldamento, mentre occorre sapere che la sostituzione dei serramenti è sottoposta a diverse regole a seconda che riguardi le singole unità abitative o le parti condominiali.

 
Nel primo caso occorre che i nuovi elementi abbiano sagoma, materiali e colori diversi.

Ove tali caratteristiche non siano presenti, occorre valutare se i nuovi infissi in legno vadano ad apportare migliorie tali da aumentare il risparmio energetico, come avviene quando al vecchio vetro singolo viene a sostituirsi il doppio o triplo vetro.

 
Ove invece si tratti di sostituire le finestre su parti condominiali, i requisiti descritti in precedenza non sussistono e per avere la detrazione si può anche acquistare serramenti dotati delle stesse caratteristiche di quelle preesistenti.

 

Per avere un preventivo gratuito e senza impegno per i tuoi infissi in legno, ti invitiamo a contattare le aziende adeguate, le quali sapranno darti sicuramente maggiori informazioni, Clicca Quì

Condividi la notizia!

Preventivo Veloce

Tipo di lavoro
Città


Se non sai come funziona il preventivo veloce prova a leggere la pagina dedicata per capire come funziona e se ancora hai qualche dubbio dai un occhiata alla pagina delle FAQs.

Altri articoli che potrebbero interessarti

il fotovoltaico diventa sociale a porto torres con il reddito energetico

Il fotovoltaico diventa sociale a Porto Torres, con il reddito energetico

Il fotovoltaico in Italia si trova in un momento abbastanza particolare, dopo il...

efficenza energetica

I target per il risparmio energetico non sono vincolanti per il Consiglio Europeo

L’efficienza energetica è un concetto centrale nella lotta all’inquinamento...

detrazioni per ristrutturazioni edilizie fai da te

Le detrazioni valgono anche per i lavori edilizi fai da te

Come è ormai noto, le detrazioni sulle ristrutturazioni edilizie e la detrazion...

rinnovabili fai da te

In Italia è un vero e proprio boom per le rinnovabili fai da te

Prosegue l’ottimo momento delle fonti di energia rinnovabili nel nostro Paese,...

pannelli solari colorati

I pannelli solari colorati tutelano il paesaggio e incentivano il risparmio energetico

Incentivare il risparmio energetico e tutelare il paesaggio: per molti osservato...



ULTIMI PREVENTIVI ONLINE GRATUITI


News recenti