Avvocato civilista: come contestare una multa

Per contestare una multa è necessario avvalersi della presenza di un avvocato civilista?

E’ una domanda che si pongono in molti, di fronte all’arrivo di una sanzione a seguito di un comportamento non rispondente alle regole del Codice Stradale.

 

A tal proposito va ricordato come la multa sia una sanzione amministrativa elevata a seguito dell’accertamento di una violazione e come quindi solitamente abbia solide basi giuridiche, tali da sconsigliare eventuali ricorsi.

 

Chi intenda farlo, certo comunque della propria innocenza, può sicuramente farlo, avvalendosi o meno dell’assistenza di un avvocato civilista.

Quando è possibile il ricorso

 

Va comunque anche precisato come esistano alcuni casi in cui il ricorso è reso possibile da alcune mancanze evidenti proprio relative all’atto emanato.

 

In particolare si può fare ricorso quando:
1) sia presente un vizio di forma;
2) il verbale non sia stato notificato entro i termini previsti, ovvero 90 o 150 giorni;
3) nel caso in cui il dispositivo che ha rilevato il comportamento errato non sia omologato o segnalato tramite segnaletica;
4) ove il verbale sia stato redatto da un vigile non competente territorialmente o presenti vistose carenze;
5) ove sia stato redatto da ausiliari del traffico esorbitandone le competenze.

 

avvocato civilista

Come fare ricorso

 

Il ricorso nei casi segnalati, in base all’articolo 203 di un decreto legislativo emanato nel 1992 può essere elevato presso il Prefetto competente sul territorio e in un termine che non può andare oltre i 60 giorni dalla contestazione o dall’avvenuta notifica della sanzione.

 

Il ricorso è però gratuito e questo è un primo dato di fatto da tenere in considerazione ove si stia pensando di ricorrere ad un avvocato civilista pensando di aumentare le possibilità che la sanzione venga revocata.

 

Basta al proposito inviare una lettera in carta semplice, tramite una raccomandata con ricevuta di ritorno e il destinatario può essere appunto il Prefetto, oppure il comando di polizia municipale.

 

Oltre al verbale, occorre accludere il materiale indicato a propria discolpa e in un termine di 120 giorni sarà il primo a decidere sull’esito del ricorso tramite un’ordinanza.

 

Va però anche ricordato che in caso di mancato accoglimento, lo stesso Prefetto può a sua volta disporre il raddoppio dell’importo da corrispondere per sanare la situazione.

 

Proprio questo fatto è un’altra circostanza che dovrebbe far riflettere attentamente sull’opportunità di coinvolgere un avvocato civilista.

 

consulenza avvocato civilista

Si può ricorrere al Giudice di Pace

 

Una strada alternativa è poi quella relativa al ricorso presso il Giudice di Pace, il quale deve avvenire entro un termine di 30 giorni dalla notifica o dalla ricezione dell’atto.

 

In tal caso si tratta di un procedimento civile, ovvero un atto giurisdizionale e in quanto tale sottoposto a oneri aggiuntivi, che sono pari a 43 euro più una marca da bollo di 27 euro, nel caso di sanzioni il cui importo sia inferiore ai 1.100 euro.

 

Il ricorso va depositato presso la cancelleria del Giudice di Pace o inviata tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, allegando la copia originale del ricorso, quattro fotocopie, quella dei documenti da sottoporre all’esame del Giudice, e del documento di riconoscimento in corso di validità.

 
Una volta che il rigetto dell’istanza avvenga ad opera del Giudice di Pace, la presenza di un avvocato civilista si rende indispensabile nel caso si intenda ricorrere a un tribunale, ove l’assistenza legale è obbligatoria.

 

Se vuoi assistenza da parte di un’ avvocato civilista, puoi inviare la richiesta da questo LINK

Condividi la notizia!

Preventivo Veloce

Tipo di lavoro
Città


Se non sai come funziona il preventivo veloce prova a leggere la pagina dedicata per capire come funziona e se ancora hai qualche dubbio dai un occhiata alla pagina delle FAQs.

Altri articoli che potrebbero interessarti

tecnologia digitale

In Italia c’è un robot ogni 62 lavoratori

Un robot ogni 62 dipendenti: questo è il dato reso noto da un report di The Eur...

automazione sui posti di lavoro

Automazione: problema o opportunità?

La sempre più pronunciata automazione sui posti di lavoro è vista con notevoli...

facebook lancia messenger 2.1

Messenger 2.1, la nuova versione sfrutta l’automazione

Se ad aprile Facebook aveva rilasciato la versione 2.0 di Messenger, ora arriva ...

automazione e il futuro del lavoro

L’automazione comporta dei problemi: l’allarme arriva da Bankitalia

La crisi economica ha avuto conseguenze molto pesanti per il nostro Paese, mette...

amministrazione condominiale

Condominio: la giustizia fai da te è reato

Il diritto condominiale è una branca abbastanza delicata della giurisprudenza, ...



ULTIMI PREVENTIVI ONLINE GRATUITI


News recenti