Come risanare una canna fumaria

Spesso capita di dover risanare una canna fumaria dopo diverso tempo dall’utilizzo, o perché non svolge efficacemente le sue funzioni, oppure perché, se si deve cambiare la caldaia, è importante risanarla per evitare danni.

La necessità di risanare una canna fumaria può sorgere anche quando decidiamo di cambiare il combustibile, ad esempio da gasolio a gas, per evitare che formi condense.

Inoltre, se è installata da tanto tempo ed è rivestita con materiali come eternit o calcestruzzo, è opportuno provvedere al suo risanamento intervenendo con materiali all’avanguardia come resine di nuova generazione o acciaio inox, inalterabile nel tempo.

risanare una canna fumaria

Materiali resistenti e installazioni adeguate

 

La canna fumaria, che solitamente si trova nei condomini con impianti autonomi che scaricano i gas di combustione mediante un unico condotto, spesso ha bisogno di un risanamento che va fatto secondo le normative vigenti.

Per risanare una canna fumaria occorre intervenire utilizzando materiali adatti e adeguate tecniche di installazione.

I materiali scelti per risanare la canna fumaria devono resistere alle sollecitazioni termiche, a quelle meccaniche e ai componenti chimici presenti nei prodotti della combustione.

Non solo: i materiali devono essere anche idonei alle operazioni di pulizia o manutenzione effettuate dagli utenti.

Tecniche diverse per il risanamento della canna fumaria

 

Per risanare una canna fumaria esistono diverse tecniche: una di queste è l’intubamento con un tubo in acciaio inox, che è anche la più diffusa.

Di solito vengono utilizzati tubi in acciaio inox flessibili, che si curvano facilmente e si adattano a tante situazioni.

Una tecnica di ultima generazione per risanare una canna fumaria è quella che avviene con i tubi in fibra di vetro e resine termoindurenti, e un’altra tecnica ancora più recente è costituita invece da tubi morbidi, flessibili e modellabili in fibra di vetro e resine termoindurenti.

Quest’ultima tecnica prevede l’inserimento dei tubi nella canna fumaria che, una volta posizionati, vengono gonfiati con vapore ad alta temperatura, aderendo alle pareti.

Questa soluzione però non è applicabile per impianti con potenza termica superiore a 35 kW.

Per conoscere ulteriori particolari e dettagli su come risanare una canna fumaria rivolgiti agli esperti consulenti che sanno come consigliarti e soprattutto quali professionisti contattare per eseguire il risanamento nel migliore dei modi.

Articoli Correlati

Condividi la notizia!

Preventivo Veloce

Tipo di lavoro
Città


Se non sai come funziona il preventivo veloce prova a leggere la pagina dedicata per capire come funziona e se ancora hai qualche dubbio dai un occhiata alla pagina delle FAQs.

Ricerca contenuti

Altri articoli che potrebbero interessarti

consumo elettrico

Succede in Italia: utenti costretti a pagare le bollette elettriche degli evasori

A molti era apparso alla sorta di uno scherzo, una sorta di pesce d’aprile ant...

delocalizzazione aziende

L’automazione potrebbe spingere al rientro di chi ha delocalizzato

Ora delocalizzare non è più di moda. A mutare il quadro negli ultimi anni è s...

Angolo lettura

Angolo lettura, consigli utili sull’arredo

Considerato una sorta di seduta molto personale, l’ angolo lettura è il luog...

tecnologia digitale

In Italia c’è un robot ogni 62 lavoratori

Un robot ogni 62 dipendenti: questo è il dato reso noto da un report di The Eur...

minuteria metallica

A cosa serve la minuteria metallica

Molto spesso si sente parlare di minuteria metallica, eppure sono pochi coloro c...